Hai a cuore la tua privacy? Ecco come proteggerla

Abbiamo sottolineato più volte, in questi anni, quanto la protezione della nostra vita privata sia importante: da un lato per limitare il rischio di furto di identità, dall’altro per proteggere la nostra reputazione.

 

Con il passare del tempo e l’evolvere degli strumenti tecnologici di cui facciamo uso, i rischi per la nostra privacy sono aumentati sensibilmente, ecco perché non dobbiamo mai abbassare l’attenzione.  La prima regola da seguire è: se non vogliamo che qualcosa sia di pubblico dominio, dobbiamo essere noi i primi a non condividerlo (nemmeno in cerchie ristrette, come permesso da alcuni social network); una volta che una informazione è online, possiamo potenzialmente perdere il controllo su di essa. E non facciamoci ingannare dalla retorica del “non ho nulla da nascondere”: il rispetto della privacy è fondamentale per il funzionamento di uno stato democratico.

 

Viviamo in un sistema in cui per accedere a servizi (gratuiti, di solito) dobbiamo essere disposti a cedere un po’ della nostra privacy: certo, è comodo e utili, ma ne vale davvero la pena in tutti i casi?

 

Per questo è importante leggere le informative dei servizi, dei programmi e delle applicazioni che vogliamo utilizzare e capire a quali dati possono avere accesso. È importante conoscere le possibilità di protezione della nostra vita privata di social network come Facebook o di servizi come Google, per avere quanto più controllo possibile sulle informazioni su di noi che rendiamo disponibili.

 

Tra i consigli per difenderci e tenere lontani occhi indiscreti: limitiamo le informazioni personali che diamo (per esempio nascondendo la data di nascita, quando possibile, o, almeno, non rendendola pubblica); importante inoltre evitare la geolocalizzazione in quello che condividiamo, non dare informazioni dettagliate (su indirizzo, lavoro, contatti personali, conto bancario…), fare attenzione al phishing (nelle sue varie forme) e seguire una regola semplice: se abbiamo dei dubbi sull’affidabilità del sito o dell’applicazione, sull’uso finale delle informazioni che ci vengono richieste, meglio lasciar perdere e tenere i nostri dati per noi.

2 risposte a "Hai a cuore la tua privacy? Ecco come proteggerla"

Add yours

  1. Chiedo cortesemente a Voi un consiglio su quale utenza tenere e quale no, sono un pensionato è attualmente utilizzo METTINCONTO365 e IDENTIKIT VORREI CONTINUARE E RIMANERE VOSTRO CLIENTE Operando la scelta più calibrata al mio profilo, Ringrazio in anticipo se Vorrete o potrete aiutarmi nella scelta.

    1. Gentile Domenico, operando una scelta tra i due servizi, ti consigliamo di rinnovare alla scadenza Mettinconto 365, in quanto oltre al report iniziale, puoi richiedere altri 6 report durante l’anno, e in più puoi tenere sempre sotto controllo le tue informazioni creditizie grazie al monitoraggio.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑