Tutto quello che c’è da sapere sulle frodi creditizie

L’espressione “frode creditizia” può farci pensare a problemi e reati legati al mondo della finanza, lontani dalle nostre vite di tutti i giorni. Purtroppo non è così: non solo le frodi creditizie sono in costante aumento nel nostro paese, ma i criminali usano sempre nuove tecniche per rubare identità e denaro.

 

Ma cosa è una frode creditizia? Si tratta di un’attività criminale il cui scopo è ottenere credito senza rimborsarlo oppure entrare in possesso di beni (auto, elettrodomestici…) senza pagarli, usando a questo scopo identità rubate, false o fittizie.

 

Le storie di furto di identità sono tante e molto varie: in alcuni casi ai ladri sono bastate le informazioni recuperate online (un indirizzo e un numero di telefono, un codice fiscale…), in altri casi i dati della vittima sono stati sottratti grazie al phishing (o tecniche simili), in altri ancora i ladri sono entrati in possesso di documenti cartacei contenenti sufficienti dati personali per mettere in piedi la loro truffa.

 

Il risultato, nella maggior parte dei casi, è che scopriremo (dopo un tempo più o meno lungo) che il nostro nome è stato usato per ottenere un prestito che non è mai stato rimborsato: a questo punto sarà a noi di dimostrare di essere vittima di una frode e di ripristinare la nostra affidabilità creditizia. In caso di frode, la prima cosa da fare è denunciare. È importante anche conservare tutti i documenti che possono essere utili a dimostrare la nostra estraneità.

 

Per ridurre al minimo i rischi, però, ci sono alcuni comportamenti che possiamo adottare.

 

  • Non rispondere a mail che richiedono dati personali come la carta di credito (mai inviarli via mail!) e non clicchiamo sui link contenuti nei messaggi a meno che non siamo sicuri al 100% della loro affidabilità.
  • Prima di inserire dati personali (come per un pagamento) verifichiamo la sicurezza della connessione (https al posto di http e l’icona di un lucchetto).
  • Controlliamo frequentemente i nostri conti e gli estratti delle nostre carte di credito per segnalare eventuali anomalie il più rapidamente possibile.
  • Distruggiamo i documenti che contengono informazioni sensibili prima di buttarli.
  • Quando preleviamo contanti da uno sportello bancomat verifichiamo che non ci siano manomissioni e copriamo la tastiera quando digitiamo il codice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑