Salviamo la privacy delle nostre chat

Sempre più software e applicazioni conservano i nostri dati personali, le nostre preferenze, le nostre conversazioni. Ma, forse a causa dell’attenzione dei media al tema della privacy (anche in seguito alle rivelazioni relative all’attività di controllo dell’Nsa statunitense) e forse anche a causa di una maggiore consapevolezza degli utenti, l’attenzione alle tracce che lasciamo sta continuando ad aumentare. E aumentano anche le alternative che garantiscono una maggiore protezione dei propri dati, quando non addirittura l’anonimato.

A spaventare gli utenti non sono solo i dati che vengono conservati dalle aziende ma anche la concentrazione in pochissime mani di una quantità di informazioni sempre maggiori. Quando Facebook ha acquistato Whatsapp, una delle più note applicazioni per scambiare messaggi su smartphone, molti utenti hanno cercato alternative in cui alla protezione dei dati personali era attribuita la priorità.

Diamo allora un’occhiata alle app di messaggistica di cui si è parlato di più nelle ultime settimane. Forse la più nota è Telegram, che offre – oltre alle chat normali – un sistema di crittografia end-to-end, in grado di non lasciare traccia delle conversazioni sui server; Telegram offre inoltre la possibilità di inviare messaggi che si autodistruggono entro un tempo prestabilito.

Dall’Italia arriva invece DustApp: anche questa applicazione di messaggistica permette di impostare un tempo massimo di conservazione dei messaggi, dopodiché questi verranno cancellati. Le conversazioni sono criptate e nessun messaggio è custodito sui server.

A marzo si è parlato anche di Timb, acronimo che sta per Tor Instant Messaging Bundle. Si tratta di un programma realizzato dal progetto Tor, da sempre in prima linea per difendere la privacy degli utenti (non solo dalle aziende, ma anche dai governi che limitano l’accesso alla rete). L’obiettivo? rendere le nostre chat anonime e irrintracciabili su Windows, Mac e Linux in modo semplice e gratuito. La prima versione del programma doveva essere resa disponibile alla fine di marzo ma, al momento, non ci sono nuovi aggiornamenti sul progetto ancora in fase di lavorazione.

Ancora una volta, comunque, ricordiamoci che è importante leggere le informative sulla privacy di ogni programma o di ogni app che vogliamo installare e non dimentichiamo che, se vogliamo che qualcosa resti segreto, il modo migliore è non condividerlo online.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑