Decreto Sostegni 2021: nuovi interventi per lavoratori e imprese

Il nuovo Decreto legge “Sostegni”, entrato in vigore il 23 marzo 2021, prevede interventi per 32 miliardi di euro per sostenere la popolazione in questo periodo di prolungata difficoltà dovuto alla pandemia di Covid-19. Ecco, in sintesi, le principali misure previste dal Decreto Sostegni 2021 a favore di imprese, lavoratori e famiglie:

Contributo a fondo perduto per imprese e professionisti

  • Contributi a fondo perduto per le imprese con fatturato non superiore a 10 milioni di euro che nel 2020 hanno perso almeno il 30% del loro fatturato medio mensile rispetto al 2019
  • Cinque fasce di ristoro: contributo del 60% per un fatturato fino a 100.000 euro, 50% per le per un fatturato tra 100.000 e 400.000 euro, 40% per un fatturato tra 400.000 e 1 milione di euro, 30% per un fatturato tra 1 e 5 milioni di euro, 20% per un fatturato tra 5 e 10 milioni di euro.
  • Aiuti compresi tra un minimo di 1.000 euro per le persone fisiche, 2.000 euro per le persone giuridiche e un massimo di 150.000 euro per beneficiario.

Altri interventi per imprese e lavoratori autonomi

  • Aumento di 1,5 miliardi del Fondo per l’esonero dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti che nel 2020 hanno subito un calo del reddito superiore al 33% rispetto al 2019
  • Fondo da 700 milioni per il sostegno alla filiera della montagna, con una quota destinata ai maestri di sci
  • Interventi per settori colpiti dalla crisi, tra cui: fiere, manifestazioni fieristiche internazionali e congressi; cultura e spettacolo, mostre e musei; matrimoni ed eventi privati; attività commerciali o di ristorazione nei centri storici; filiere dell’agricoltura, della pesca e dell’acquacoltura.

Protezione dei lavoratori

  • Proroga della cassa integrazione ordinaria senza contributi addizionali fino al 30 giugno 2021
  • Proroga della cassa integrazione in deroga e assegno ordinario legati all’emergenza «Covid» fino al 31 dicembre 2021
  • Proroga della cassa integrazione salariale per operai agricoli per un massimo di 120 giorni fino al 31 dicembre 2021
  • Proroga del blocco dei licenziamenti fino al 30 giugno 2021 per i lavoratori delle aziende che dispongono di CIG ordinaria e CIG straordinaria e fino al 31 ottobre 2021 per i lavoratori delle aziende coperte da strumenti in deroga.

Contrasto alla povertà

  • 1 miliardo per il rifinanziamento del Reddito di Cittadinanza
  • 1,5 miliardi per l’estensione del Reddito di emergenza, con 3 nuove mensilità (marzo, aprile, maggio 2021)
  • Rifinanziamento del Fondo sociale per occupazione e formazione
  • Indennità ai lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello sport
  • Fondo a tutela dei lavoratori fragili nel settore pubblico e privato (proroga dello smart working o, nel caso questo sia impossibile, i lavoratori fragili possono usufruire di periodi di assenza mantenendo il posto di lavoro)

Misure fiscali

  • Cancellazione delle cartelle esattoriali fino a 5.000 euro del periodo 2000-2010 per i soggetti con reddito inferiore a 30.000 euro
  • Definizione agevolata degli avvisi bonari sui periodi di imposta 2017 e 2018 per i soggetti che hanno subito un calo del volume d’affari del 30% rispetto al 2019
  • Proroga della sospensione delle attività di riscossione fino al 30 aprile.

Comments are closed.

Powered by WordPress.com.

Up ↑