Black Friday e shopping online: risparmio sì, ma in sicurezza

Anche quest’anno tornano i super-sconti del Black Friday (venerdì 23 novembre) e del Cyber Monday (lunedì 26 novembre), due ricorrenze importate dagli Stati Uniti ma sempre più amate anche dai consumatori italiani. Basti citare che il giro di affari complessivo generato nel nostro paese l’anno scorso è stato di ben 1,5 miliardi di euro.

Prima però di buttarci a capofitto a caccia di offerte, è bene fare un rapido ripasso di alcune accortezze da tenere sempre ben presenti quando si compra sul web.

Innanzitutto, per i nostri acquisti online diffidiamo di offerte mirabolanti e scegliamo solo negozi che conosciamo oppure verifichiamo l’affidabilità dei nuovi negozi ricercando opinioni e recensioni di altri utenti.

Il sito sul quale acquistiamo deve usare sistemi di sicurezza internazionali: si riconoscono dal lucchetto in basso a destra sullo schermo o nella barra dell’indirizzo del browser. L’indirizzo dei siti protetti, inoltre, inizia sempre con “https”.

Attenzione poi alle condizioni di vendita dei siti di e-commerce: di solito si trovano nella sezione “shopping”, “guida all’acquisto”, “condizioni generali”. Nel caso di dubbi, meglio scrivere al venditore.

Pagare con una carta di credito offre maggiori garanzie: le banche emittenti per legge sono tenute a garantire la massima sicurezza per i loro clienti e, di solito, offrono servizi di controllo sui movimenti.

In ogni caso, mai fare acquisti su computer pubblici o condivisi: altre persone potrebbero accedere ai dati della nostra carta di credito e ad altre informazioni personali. Se ci sono problemi è importante contestare subito le spese fatte da altri illegalmente, bloccando la carta e facendo denuncia.

Dopo l’acquisto, verifichiamo scontrini e ricevute per essere sicuri che l’importo addebitato sia corretto. E ricordiamoci comunque di controllare spesso l’estratto conto per individuare eventuali spese non riconosciute.

In caso di prodotti difettosi o danneggiati, come per i negozi reali, anche nel mondo virtuale è il venditore il responsabile che dovrà rispondere, garantendone la riparazione, la sostituzione o il rimborso.

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑