Boom di frodi creditizie nel 2017

Secondo i dati dell’Osservatorio Crif sulle frodi creditizie, i casi di frodi realizzate mediante furto di identità sono stati più di 11.000 nel primo semestre del 2017, con un aumento del 39,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Dati preoccupanti, che confermano la gravità e la pericolosità del furto di identità anche nel nostro paese. Se consideriamo anche il danno stimato, infatti, si parla di più di 80 milioni di euro. Particolarmente colpito il settore del credito al consumo, dove i dati rubati vengono usati per ottenere finanziamenti o comprare beni, senza poi pagare le rate dovute.

L’importo medio delle frodi per il periodo preso in considerazione è di oltre 7.000 euro. Nel 20,1% dei casi le frodi sono state di un importo tra i 1.500 e i 3.000 euro, mentre per il 21,6% l’importo è stato superiore ai 10.000 euro.

Fanno registrare un lieve miglioramento i tempi di scoperta, che nel 60% dei casi sono stati inferiori ai 6 mesi, anche se per le frodi di importo maggiore (superiore ai 10.000 euro) i tempi sono più lunghi, fino a 5 anni nel 21% dei casi.

Ma in cosa spendono i truffatori? Elettrodomestici, nel 38% dei casi; auto e moto (9,1%); immobili e ristrutturazioni (8,4%). Un significativo aumento hanno registrato le frodi per acquistare trattamenti estetici o medici. Considerando la tipologia di beni acquistati, non stupisce che sia il prestito finalizzato la forma preferita dai frodatori (56,5% dei casi); l’Osservatorio Crif ha registrato anche una impennata sulle frodi su carta di credito (+78,7% rispetto al primo semestre del 2016).

L’analisi dei documenti utilizzati per le frodi ci dice che l’80% ha usato una carta di identità contraffatta (o valida ma non riconducibile al soggetto a cui è intestata). Una parte riguarda documenti per i quali risulta una denuncia per furto o smarrimento.

Le vittime di queste frodi sono in maggioranza uomini, e sono in aumento le fasce di età tra i 18 e i 40 anni.

Se frodi e furti di identità sono in aumento, anche la nostra attenzione deve essere più alta: tocca infatti a noi, in primo luogo, tenere sotto controllo i nostri dati, evitando di divulgare informazioni personali dettagliate e diffidando di offerte mirabolanti, messaggi bizzarri o siti che non conosciamo.

2 risposte a "Boom di frodi creditizie nel 2017"

Add yours

  1. Credo che i maggiori responsabili di questa assurda situazione sisno le finanziarie che nel 2017 non hanno ancora messo in atto sistemi di verifica delle richieste di finanziamento creando seri problemi alle vittime. E’ ora che qualcuno obblighi l’accertamento delle identita’ prima di erogare i prestiti.

  2. Caro Roberto,
    È già un obbligo l accertamento delle identità.
    E chi non lo fa rincorre nel penale. L accertamento viene fatto tramite fotocopia in originale del documento e filtrando lo stesso in un sistema antifrofe.
    Se leggi i dati la maggior parte delle frodi è sul credito al consumo presso gli esercenti.
    In quel settore operano commercianti che a differenza nostra non hanno competenza e non eseguono la formazione a cui sono soggetti bancari e agenti in attività finanziaria.
    Inoltre si sono verificati delle casistiche dove gli operatori commerciali specie nella grande distribuzione si sono venduti i kit per accedere ai finanziamenti a gente di malaffare. (Documenti fiscali e personali).
    In questa tipologia di finanziamento i controlli sono quasi pari a zero.
    Antonello Scarlatella
    Agente in Attività finanziaria

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑