Le nuove sfide del cybercrimine

Abbiamo più volte parlato di sicurezza informatica su queste pagine: in un mondo sempre più connesso e sempre più complesso, i rischi per la sicurezza – di aziende, cittadini e governi – sono sempre più diffusi e insidiosi.

Un rapporto di Kaspersky Lab, società che si occupa proprio di sicurezza informatica, ha analizzato il mondo delle infrastrutture critiche (trasporti, energie, istituzioni…) connesse a internet e il loro livello di vulnerabilità e il quadro emerso non è per nulla rassicurante. Il 91% di più di 13mila strutture prese in considerazione presenta vulnerabilità per la sicurezza che possono essere sfruttati da cybercriminali per portare avanti attacchi informatici.

Che i rischi e gli attacchi siano in aumento lo conferma anche il rapporto Clusit relativo al 2015: gli attacchi contro le infrastrutture critiche sono aumentati del 154% rispetto al 2014. Il rapporto contiene anche un altro dato inquietante: gli attacchi contro i servizi online (caselle di posta elettronica, profili sui social network e servizi cloud) hanno segnato un aumento dell’81% tra 2014 e 2015.

Le frodi creditizie realizzate attraverso il furto d’identità hanno fatto segnare perdite economiche di più di 172 milioni di euro nel 2015 solo in Italia: il furto di questi dati avviene molto spesso tramite attacchi informatici di vario tipo.

Nessuno è al sicuro, dunque? La sicurezza totale, come più volte abbiamo sottolineato, non esiste. Ci sono però alcuni accorgimenti che, come utenti, possiamo adottare per ridurre i rischi o i danni nel caso fossimo vittima di un attacco.

Per esempio:

  • usiamo password forti e diverse per ogni servizio a cui siamo registrati
  • proteggiamo con password o pin smartphone, tablet e applicazioni che contengono informazioni riservate
  • attiviamo dove possibile l’autenticazione in due passaggi (password più codice inviato sul telefono o in altro modo)
  • limitiamo le informazioni che condividiamo online
  • leggiamo le informative sul trattamento dei dati dei servizi che usiamo, manteniamoci informati, verifichiamo (e pretendiamo!) l’utilizzo di sistemi sicuri da parte di chi ci fornisce servizi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑