Anno nuovo, minacce nuove! Ecco i rischi informatici per il 2016

minacce informatiche virus truffe online 2016Le tecnologie che usiamo nella vita quotidiana cambiano ed evolvono: con esse mutano anche le minacce e i rischi che possiamo correre. Così, ogni anno, molte aziende che si occupano di sicurezza informatica rendono pubbliche le loro previsioni per i mesi successivi. Cosa ci aspetta dunque in questo 2016 appena iniziato?

Secondo vari esperti, sarà il ransomware a farla da padrone: si tratta di un tipo di malware particolarmente insidioso, perché cripta i dati del dispositivo che infetta; a quel punto l’autore del danno chiede di pagare un riscatto per “liberare” i dati e renderli di nuovo disponibili al legittimo proprietario. Per capire la situazione: secondo McAfee, nel primo trimestre 2015 gli attacchi ransomware sono aumentati di dieci volte rispetto ai primi tre mesi del 2014.

Ancora, i nostri smartphone si sono trasformati anche in “telecomandi” in grado di gestire le funzionalità di altri dispositivi e oggetti connessi: gli addetti alla sicurezza digitale si aspettano attacchi mirati contro i sistemi operativi, le reti, le applicazioni ma anche le memorie in cui archiviamo i file. E a proposito di memorie: anche i servizi cloud saranno nel mirino, con tentativi di violare le procedure di sicurezza messe in atto dalle aziende.

Attenzione anche a tutti i dispositivi indossabili, da quelli per il fitness agli smartwatch: il loro essere sempre connessi con altri dispositivi a loro volta connessi alla rete li rende bersagli appetibili per ladri di dati e truffatori di ogni sorta.

Nei prossimi anni arriveranno sul mercato sempre più automobili “intelligenti”, in grado di connettersi e di conservare dati personali (dalla geolocalizzazione alle carte di credito): in molti proveranno a entrare in questi sistemi, sperando in difese non abbastanza robuste. Previsto anche un aumento degli attacchi contro infrastrutture e reti ritenute sicure, in particolare con azioni rapide e selettive per modificare dati o transazioni.

Intel Security ipotizza anche lo sviluppo di un mercato nero per i ladri di identità: i dati personali rubati potrebbero finire in mano al miglior offerente, pronto a usarli per nuove truffe.

Attenzione alta, dunque, e occhi ben aperti per affrontare questo 2016 al massimo della sicurezza, anche con i consigli che trovate sulle pagine del blog di Mister Credit.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑