gestire-conto-telefonoAbbiamo visto come i pagamenti con il telefonino siano in crescita costante anche in Italia. Una tendenza globale, resa più veloce dalla presenza sul mercato di dispositivi sempre più potenti, in grado di trattare una quantità sempre più grande di dati e operazioni. Proprio per questo, la nostra prima attenzione, prima ancora delle caratteristiche tecniche o delle prestazioni del telefono, deve essere la sicurezza.

Se vogliamo gestire il nostro conto in banca con smartphone o tablet, ci sono alcuni accorgimenti da seguire per limitare i rischi. Prima di tutto, usiamo l’applicazione ufficiale della nostra banca: meglio evitare di collegarsi alla pagina web della banca e inserire nome utente e password, per evitare eventuali errori di battitura (che potrebbero portarci a un sito falso) e vulnerabilità del browser. Quando scarichiamo e installiamo l’applicazione, assicuriamoci che sia davvero l’app ufficiale.

A questo punto è meglio proteggere l’applicazione con un codice: di sicuro usiamo già una funzione di blocco per la schermata iniziale ma è consigliabile proteggere le applicazioni che usano dati sensibili con un secondo codice di sicurezza (e che sia diverso da quello principale!).

Per garantire la sicurezza della connessione, quando vi collegate alla vostra banca tramite l’applicazione, è meglio usare la rete telefonica (3G o 4G) che una rete Wi-Fi: abbiamo già visto come le reti Wi-Fi, soprattutto quelle pubbliche, possano nascondere parecchie insidie.

Valgono poi i consigli generali per usare lo smartphone in sicurezza: difenderlo con un buon antivirus sempre aggiornato e aggiornare sempre sistema operativo e applicazioni; scaricare solo applicazioni della cui affidabilità siamo sicuri; disattivare i servizi quando non li usiamo (in particolare wireless, Bluetooth, geolocalizzazione, NFC); utilizzare una applicazione che permetta di tracciare e bloccare il telefono in caso di furto o smarrimento.