domanda-mutui-prestiti-2014Il 2014 è iniziato con segnali un po’ contraddittori. I dati relativi ai mutui per il primo trimestre di quest’anno, infatti, parlano di un aumento significativo della domanda da parte delle famiglie: +9,6%, con il mese di marzo che ha fatto registrare un +10% rispetto allo stesso mese del 2013. Sono i primi segnali di ripresa dopo i pesanti dati negativi registrati in particolare tra il 2009 e il 2011. I premi tre mesi del 2014 hanno fatto registrare tutti un incremento. Il recupero della domanda di mutui è poi proseguito ad aprile, con un +12,6%.

Per quel che riguarda la domanda di prestiti da parte delle famiglie, la tendenza è piuttosto diversa. I dati registrati ci dicono infatti che da marzo 2013 ad aprile 2014 la domanda di prestiti ha sempre avuto il segno meno davanti. Proprio il mese di aprile ha registrato il dato peggiore dall’inizio dell’anno, con un -9,6%. I dati, che si riferiscono sia ai prestiti personali che a quelli finalizzati, dimostrano che il ricorso delle famiglie al credito al consumo è ancora fortemente condizionato dalla situazione di incertezza economica che stiamo vivendo. I primi segnali stabili di ripresa sono attesi per il 2015.

In questo contesto di difficoltà che continua, è importante valutare con attenzione la propria situazione economica prima di decidere di rivolgersi a un istituto di credito per ottenere un prestito. Dobbiamo capire qual è l’importo massimo che siamo in grado di pagare ogni mese per rimborsare il prestito e studiare bene le offerte presenti sul mercato, per scegliere quella che fa più al caso nostro.

Se abbiamo già alcuni prestiti in corso, desideriamo essere consapevoli della nostra affidabilità creditizia, e abbiamo bisogno di una mano per gestire il nostro indebitamento in tranquillità, possiamo rivolgerci a strumenti come Mettinconto, un consulente dedicato per la propria situazione creditizia.