Cosa sono i Sistemi di informazioni creditizie (SIC) e quali dati conservano

A gennaio vi abbiamo consigliato di diffidare di chi offre servizi a pagamento per cancellare i dati negativi dai Sistemi di informazioni creditizie (SIC). Ma cosa sono, di preciso, i SIC?

 

I SIC positivi e negativi sono archivi informatici che contengono i dati sui finanziamenti richiesti ed erogati a privati e imprese da parte di banche e società finanziarie.

Quali dati sono conservati nei SIC?

  • Informazioni anagrafiche del consumatore: nome, cognome, codice fiscale, data e luogo di nascita, indirizzo.
  • Informazioni sui finanziamenti, in particolare:
  • Tipologia di credito e fase della richiesta (richiesto, accordato, estinto)
  • Piano di rimborso previsto (numero e importo delle rate)
  • Banca o società finanziaria che ha inviato i dati (visibile solo al diretto interessato)
  • Andamento dei pagamenti e debito residuo
  • Eventuali dati relativi ad attività di recupero o contenziosi (incaglio nei pagamenti, passaggio a sofferenza, passaggio a perdita, cessione a società di recupero crediti, rientro in bonis, ecc.).

Perché esistono i SIC

Il mercato del credito svolge un ruolo fondamentale nell’economia di un Paese. Grazie al credito le famiglie possono finanziare i propri consumi e l’acquisto della casa. Il credito è uno strumento attraverso il quale è possibile programmare e modulare le proprie uscite monetarie in base alle entrate attese senza dover rinunciare a piccoli o grandi progetti.

Affinché banche e società finanziarie possano gestire correttamente il processo di erogazione del credito è necessario che abbiano da un lato informazioni sulla capacità di famiglie e imprese di rimborsare regolarmente i propri debiti e dall’altro informazioni sugli impegni di rimborso già assunti. La possibilità di disporre tempestivamente di informazioni complete e aggiornate sulla storia creditizia e sulla situazione di indebitamento di chi richiede credito consente quindi a banche e società finanziarie di limitare un’eccessiva assunzione di rischio e di evitare il sovraindebitamento di chi richiede credito.

Dal punto di vista dei consumatori le informazioni positive contenute nel SIC rappresentano una concreta credenziale per ottenere credito in maniera veloce. Una storia creditizia positiva, testimoniata da pagamenti puntuali e finanziamenti rimborsati correttamente, è una referenza importante che funge da garanzia di rimborsi puntuali per i finanziamenti futuri. In assenza di questa referenza le uniche forme di tutela a disposizione di una banca o di una società finanziaria, a fronte della concessione del credito, sarebbero l’ipoteca sulla casa, il pegno su un bene o la presenza di un garante. Grazie alle informazioni contenute nei SIC, gli istituti di credito possono decidere di erogare credito basandosi sulla buona storia creditizia del richiedente, senza necessariamente richiedere ulteriori garanzie reali o personali.

Per quanto tempo i SIC conservano le informazioni?

TIPOLOGIA DI DATO ​TEMPI DI CONSERVAZIONE
Finanziamento richiesto ed in corso di valutazione 6 mesi dalla data richiesta
​Richieste di finanziamento rinunciate/rifiutate ​1 mese dalla data di rinuncia/rifiuto
​Finanziamenti rimborsati regolarmente 36 mesi dalla data di estinzione effettiva del rapporto di credito
​Ritardi relativi a 1 o 2 rate (o mensilità) 12 mesi dalla comunicazione di regolarizzazione, a condizione che nei 12 mesi i pagamenti siano sempre regolari
​Ritardi relativi a 3 o più rate (o mensilità) 24 mesi dalla comunicazione di regolarizzazione, a condizione che nei 24 mesi i pagamenti siano sempre regolari
Finanziamenti non rimborsati (o con gravi morosità)​ 36 mesi dalla data di estinzione prevista o dalla data in cui l’istituto di credito ha fornito l’ultimo aggiornamento

2 thoughts on “Cosa sono i Sistemi di informazioni creditizie (SIC) e quali dati conservano

Add yours

  1. Come devo fare per accedere al credito? Sono un dipendente pubblico (forze armate) ho estinto da un mese circa i debiti con tre banche di cui mi avevano messo a sofferenza. Mi ero rivolto alla mia banca dove ho il conto corrente con l’accredito del mio stipendio, e mi hanno detto che non posso fare istanza al credito per via del CRIF, dove risulto con più segnalazioni. Quindi se possibile vorrei un chiarimento ulteriore!
    Gradirei un vostro riscontro.
    Distinti saluti

    1. Le informazioni relative a sofferenze rimangono visibili sui sistemi di informazioni creditizie 24 mesi dalla regolarizzazione: sicuramente è positivo aver estinto precedenti debiti, pur rimanendo a discrezione della banca se concedere o meno credito. Un’eventualità da considerare potrebbe essere la cessione del quinto dello stipendio, oppure la possibilità di ricorrere ad un garante. Cordiali saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑