Sicurezza di smartphone e tablet, nel 2013 cresceranno le minacce

Gli esperti di sicurezza non hanno dubbi: il 2013 sarà segnato da un aumento esponenziale delle minacce per smartphone e tablet. Il sistema operativo più colpito? Android, già vittima del 90% degli attacchi informatici, secondo uno studio realizzato da Kaspersky, azienda produttrice di antivirus.

Abbiamo sottolineato più volte come la diffusione sempre maggiore di d comporti un aumento delle minacce alla sicurezza di smartphone e tablet e degli utenti. Attenzione alle applicazioni, dunque: nel 2012, per Android, ne sono state individuate circa 350.000 che contenevano software malevolo. Nell’anno da poco iniziato potrebbero addirittura triplicare, secondo le previsioni di Trend Micro.

iOS, il sistema operativo di Apple, sembra essere relativamente al sicuro, anche per le maggiori restrizioni che l’azienda della Mela impone agli sviluppatori. Ma i Mac potrebbero essere colpiti nuovamente con un attacco di grandi proporzioni, dopo i casi di Mac Defender e Flashback.

Anche Windows 8, il nuovo sistema operativo di Microsoft, è sotto osservazione: lo sviluppo di una piattaforma unica per smartphone, tablet e computer potrebbe comportare un aumento delle minacce informatiche.

La prima regola per la sicurezza è: non scaricare né installare applicazioni della cui provenienza non siamo sicuriMeglio controllare il nome dello sviluppatore, i commenti degli altri utenti e le caratteristiche dell’applicazione, compresi eventuali errori di grammatica e sintassi nella descrizione: potrebbero essere un indizio sospetto, come nel caso dello spam e del phishing.

Il mercato dei malware per i dispositivi mobili è diventato più appetibile anche perché continua a crescere il numero di informazioni e dati sensibili che ogni giorno affidiamo a questa tecnologia.

Se lo sviluppo di strumenti per la sicurezza non tiene sempre il passo con il crescere delle minacce, la nostra attenzione rimane la prima arma di difesa. Anche perché i rischi non riguardano solo il mondo mobile: gli esperti di sicurezza di Websense ipotizzano un aumento delle tecniche di social engineering per le truffe legate all’e-commerce; quelli di Fortinet un maggior numero di password violate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑