“Google è il tuo CV”. Quando il personal branding mette a rischio l’identità online

Fino a che punto ci conviene essere visibili sul web? Sappiamo che rendere i nostri dati disponibili a chiunque comporta dei rischi legati al furto di identità. Abbiamo già affrontato l’argomento nel post sulle frodi nelle offerte di lavoro. Se in precedenza abbiamo parlato dei pericoli insiti negli annunci pubblicati dalle aziende, stavolta ci concentriamo su dati che noi stessi immettiamo in rete con lo scopo di essere trovati: cerchiamo di renderci visibili, tracciabili dai motori di ricerca e nello stesso tempo evitare il furto dei nostri dati. Impresa impossibile? Passiamo ad analizzare i diversi aspetti della questione.

Il personal branding

Consiste nell’arte di vendere se stessi come fossimo dei prodotti, con la piccola differenza che noi siamo persone… La letteratura e la manualistica in materia è abbastanza nutrita, così come i blog specializzati in questa nuova e affascinante materia.

Ma in cosa consiste nella pratica? Prima di tutto bisogna coordinare l’utilizzo dei diversi social media su cui compilare il nostro profilo, scegliendoli e selezionandoli secondo la nostra utilità. Se ci ricordiamo di avere un profilo vecchio di un anno o più, dovremmo cercare di aggiornarlo o cancellarlo. Verba volant, scripta manent, soprattutto su internet dove ogni contenuto può essere ripescato selezionando le giuste chiavi di ricerca. Usiamo sempre password differenti tra i vari account, soprattutto per quelli più importanti. Quando facciamo una verifica sui motori di ricerca ricordiamo che ogni modifica richiede qualche tempo perché i risultati siano aggiornati e visibili e che, probabilmente, ci saranno una serie di nostri omonimi: come possiamo sapere se sono furti di identità? In questi casi SICURNET riesce a distinguere, incrociando i dati, proprio quei casi di omonimia che gli alert dei motori di ricerca non distinguono dai furti di identità, permettendo di risparmiare tempo e inutili preoccupazioni.

Attenti agli amici

Molti di noi condividono i dati sul proprio profilo personale solo con gli amici, perché di loro ci si può fidare, giusto? Ma chi sono i nostri amici sui social network? Dipende da noi. Quando riceviamo una richiesta d’amicizia la maggior parte di noi dà un’occhiata fugace al profilo da cui giunge la richiesta: immagine, credenziali, sembra sia tutto ok… Se lo riconosciamo diamo l’ok, se non lo conosciamo, magari accettiamo ugualmente. La verità è che quei profili che noi riconosciamo immediatamente (grazie a una semplice immaginetta) potrebbero essere fasulli. Con un profilo fittizio si può accedere a molte altre identità e moltiplicare così le possibilità di frode. Ricordiamo che i ladri di identità puntano sui grandi numeri.

E voi? Quali precauzioni prendete nel gestire il vostro personal branding?

Photo: SOCIALisBETTER

4 thoughts on ““Google è il tuo CV”. Quando il personal branding mette a rischio l’identità online

Add yours

  1. Ciao, quello che tu poni è in effetti un problema reale, che un utilizzatore medio, come me, non si pone se non nel momento stesso del divenire consapevole dell’esistenza di questo problema… Pertanto, io ora che farò? Cancellerò da FB gente semi-estranea, piuttosto che rendere invisibile il mio numero di telefono su Linkedin.. Che altre precauzioni si devono prendere?? Tu non ne racconti molte..

    1. Ciao ele,
      il problema del furto di identità ha molte sfaccettature. Su questo blog trattiamo di volta in volta un aspetto specifico.
      Chi cerca lavoro, purtroppo, rappresenta una tipologia molto appetibile per i ladri di identità perché la ricerca di un impiego ci spinge a condividere più informazioni, magari senza protezioni adeguate.
      Secondo alcuni esperti di personal branding “più la tua identità è definita e coerente e minori saranno i rischi di “furto” che avranno effetti concreti. Inoltre sarà la propria rete di contatti a disconoscere una id-fake.”

      Sono molti gli accorgimenti da prendere, altri due consigli che ti diamo sono di continuare a seguire questo blog (di certo torneremo sull’argomento con suggerimenti più specifici e aggiornati) e di valutare il nostro servizio SICURNET che ha proprio lo scopo di proteggere dal furto di identità, qualsiasi sia la causa.

  2. Esiste un apposito settore operativo della Polizia di Stato che, oltre all’attività repressiva, svolge un’intensa azione collaborativa con enti puublici ed aziende privati (Social networks compresi).
    Questo é il link in cui si spiega chi sono e che cosa fanno:

    http://www.poliziadistato.it/articolo/982-Polizia_postale_e_delle_comunicazioni/

    Questo é l’elenco degli indirizzi e-mail degli Uffici,ai quali è possibile chiedere informazioni o inviare segnalazioni di violazione di norme penali nei settori della specialità

    http://img.poliziadistato.it/docs/uffici_mail_postale_6_2008.pdf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑