Secondo la ricerca “E-mail Marketing Consumer Report”, un’indagine sui comportamenti degli utenti nell’utilizzo di e-mail e newsletter presentata da contactlab.com, gli account di Google sono in rapida ascesa, soprattutto nell’ambito lavorativo. Nell’ultimo anno, solo in Italia, la percentuale di utilizzo della casella di posta elettronica Gmail è raddoppiata passando dal 18% al 36%, in Spagna si arriva addirittura al 45% e nel resto d’Europa è costantemente collocata tra le prime posizioni.

Purtroppo, proprio questo recente successo ha reso Google uno degli obiettivi primari di spammer e hacker.

I casi d’infrazione da parte di hacker nei confronti di account Gmail sono in netto aumento. Tra i vari ricordiamo il caso Byoblu che ha comportato la sparizione di mail e la perdita del controllo del canale Youtube.

In risposta a questa situazione di emergenza, Marco Pancini, uno dei responsabili di Google Italia, ha affermato che lo staff Google si sta prodigando nella creazione di manualetto che, prendendo spunto da questo caso, potrà essere d’aiuto in circostanze analoghe.

Nell’attesa, è possibile leggere sul blog di Google Italia una serie di regole base per la protezione dei dati d’accesso all’account, che vale per tutti coloro che usano la posta elettronica:

– Non riutilizzate mai la password di account importanti come i conti bancari online, email, siti di social network, e siti commerciali.

– Cambiate la password periodicamente e assicuratevi di farlo per account importanti se sospettate che uno di essi sia a rischio. Non modificate solo di un paio di lettere o numeri ma l’intera combinazione e create una password originale ogni volta.

– Per amministrare un alto numero di password utilizzate uno dei tanti programmi, presenti nel web, di gestione password.

– Non rispondete mai a messaggi o telefonate che vi richiedano username e password dei vostri account: un’organizzazione conforme alla legge non richiede mai questo genere d’informazioni.

– Effettuate controlli antivirus periodici e mantenete aggiornate le informazioni che vi consentono di recuperare il vostro  account in caso di violazione.

Inoltre in una sezione della Guida di Gmail è possibile completare una checklist per assicurarsi un elevato grado di protezione del vostro account, del vostro browser e computer. Suddivisa in 5 sezioni, questa checklist presenta una serie di passaggi  che vi accompagnano passo dopo passo alla creazione di misure di sicurezza che vi permettono di proteggere la  vostra casella di posta da furti di dati e d’informazioni.

L’attenzione non è mai troppa ma questi semplici accorgimenti possono fare la differenza. Nel caso in cui, sfortunatamente, dei malintenzionati riescano ad aggirare le vostre difese, visitate immediatamente la pagina di assistenza per il recupero dell’account e seguite scrupolosamente le indicazioni riportate.