Mobile banking è l’espressione usata per indicare le operazioni bancarie e finanziarie (transazioni, pagamenti e controllo dei movimenti nel proprio conto corrente) che si possono effettuare mediante un telefono cellulare. L’evoluzione di questi dispositivi, divenuti complessi e interattivi e sempre più simili a computer, ha facilitato la diffusione dei servizi mobili, che hanno integrato quelli di internet banking e agevolato, al tempo stesso, la diffusione e la fruizione di servizi finanziari al di fuori del classico sportello bancario.

Quali sono le operazioni offerte?

Le applicazioni mobili che hanno riscosso maggiore successo in Italia sono soprattutto i servizi di “alerting” (cioè la segnalazione tramite sms delle variazioni riscontrate sul conto corrente del cliente o dei movimenti effettuati con le carte di pagamento). Inoltre, quasi tutti gli istituti finanziari ormai offrono alla propria clientela la possibilità di seguire in modalità mobile i propri investimenti, ordinare bonifici, movimentare il proprio conto corrente e controllare i dettagli degli estratti conto. E tutto questo, non necessariamente attraverso apparecchi telefonici di ultimissima generazione.

I rischi.

Le truffe attuate con l’obiettivo di rubare le credenziali di accesso ai servizi di internet banking dei clienti sono in costante aumento e la possibilità di fruire dei servizi finanziari attraverso apparecchi mobili evoluti, oltre a rappresentare una grande opportunità per l’utente in termini di disponibilità e flessibilità, può costituire una seria minaccia per la sua privacy e per i suoi dati personali. Questo aspetto, confermato anche dai maggiori leader sul mercato della sicurezza informatica, interessa essenzialmente gli utenti in possesso di apparecchi telefonici evoluti, come ad esempio palmari e smartphone, che sono dotati di sistemi operativi simili a quelli di un personal computer e che quindi sono potenzialmente vulnerabili a malware e virus.

Qualche consiglio utile.

Come per il personal computer domestico o quello portatile, è necessario prestare attenzione ad alcuni aspetti utili a salvaguardare la nostra privacy e la nostra sicurezza.

1. Installare sul proprio cellulare un antivirus e un firewall, avendo soprattutto cura di aggiornarli frequentemente (in commercio e in Rete si trovano soluzioni a basso costo e molto efficaci).

2. Se il nostro apparecchio è dotato di tecnologia bluetooth, è consigliabile disattivarla, specialmente se ci si trova in luoghi affollati, per evitare intrusioni indesiderate (questa rappresenta una delle vie più comuni di infezione del cellulare, favorita dalla consuetudine di molti utenti di avviare connessioni e scambiare file anche con soggetti sconosciuti).

3. Non abboccare al vishing o smishing. Il phishing, oltre all’invio di e-mail fraudolente può essere messo a segno anche attraverso chiamate voce (VoIP) e l’invio di sms: nel primo caso (vishing) i truffatori simulano un call center bancario e invitano gli utenti contattati a fornire i propri dati personali; nel secondo caso (smishing) l’esca è rappresentata da un sms che invita la vittima a collegarsi al link presente nel corpo del messaggio e a digitare le credenziali di accesso del proprio account di internet banking (alcuni casi di smishing hanno rivelato che l’sms era anche vettore di malware e programmi pericolosi). Entrambe queste tecniche fraudolente hanno comunque una finalità comune: carpire fraudolentemente i dati e le informazioni personali della vittima.

Per saperne di più, tenetevi aggiornati sul sito di Mister Credit.