Contratti di credito al consumo: quali informazioni devono essere presenti?

Dopo aver spiegato il funzionamento della richiesta di mutuo e di prestito e dopo aver elencato i documenti necessari per presentarle, è arrivato il momento di soffermarci sui contratti di credito al consumo. Il cliente che richiede un prestito deve conoscere obblighi e diritti che lo impegnano, per evitare sorprese, soprattutto in un periodo di crisi economica e di difficoltà finanziaria delle famiglie.

Il contratto vincola la persona che richiede il finanziamento e l’istituto di credito che lo concede, specificando tutte le condizioni necessarie. Si tratta di informazioni fondamentali che le banche e le finanziarie devono indicare in modo chiaro al cliente: tassi di interesse e relativo periodo di validità, costi dei servizi offerti, eventuali spese accessorie, norme relative a ritardi nei pagamenti, al recesso e all’estinzione del prestito.

Il contratto di credito al consumo deve essere in forma scritta e redatto in due copie (una per la banca e una per il cliente), tre nel caso di un prestito finalizzato – in questo caso la terza copia è per il venditore.

Vediamo nel dettaglio le informazioni che deve contenere:

  • nome dell’istituto di credito
  • nome del beneficiario (con l’indicazione del documento d’identità e del codice fiscale)
  • importo e modalità del finanziamento
  • numero delle rate, importo unitario e relative scadenze
  • Tan e Taeg (comprese le eventuali condizioni a cui i tassi possono variare)
  • importo degli oneri esclusi dal Taeg
  • eventuale maggiorazione delle spese in caso di ritardo nel pagamento delle rate
  • eventuali garanzie e coperture assicurative richieste (se non sono comprese nel calcolo del Taeg)
  • modalità di recesso.

Se il prestito è finalizzato, cioè legato all’acquisto di un bene, il contratto deve contenere anche le informazioni relative al prodotto (o al servizio) acquistato, il prezzo di acquisto in contanti e quello indicato nel contratto di finanziamento, l’eventuale acconto e le condizioni per il trasferimento del diritto di proprietà.

2 thoughts on “Contratti di credito al consumo: quali informazioni devono essere presenti?

Add yours

  1. buongiorno,mi sono inscritta ad una agenzia nel marzo 2010 metendoci d’accordo che pago mensilmente dal mio conto,mi ha fato firmare un contratto che non si poteva legere manco con la lente di ingrandimento.dopo 8-9 mesi ho smesso di pagare,rendendomi conto che era una fregatura.dopo altri 2-3 mesi ricevo una lettera de la una banca (con quale loro fanno questo tipo di transazzie)in quale dice che sono obligata a pagare.l’agenzia ha fato un finanziamento usando i miei dati,adesso mi trovo come cattivo pagatore e non posso fare un prestito.come posso sappere fino quando avrò questo problema sappendo che contratto da pagare era dal 10 marzo 2010 e finiva a marzo 2013 .potete darmi una risposta?grazie

    1. Ciao, ti suggeriamo di controllare il contratto che hai firmato con l’agenzia, ed eventualmente di rivolgerti ad un’associazione di consumatori; su Internet sono numerosi i casi di consumatori che segnalano questo tipo di problema.
      Ti consigliamo inoltre di verificare quale è la tua situazione creditizia segnalata sul Sistema di Informazioni Creditizie gestito da CRIF.
      Se è stato aperto un finanziamento usando i tuoi dati a tua insaputa, puoi rivolgerti alle forze dell’ordine ed effettuare denuncia per truffa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑