Buoni propositi per il nuovo anno: la sicurezza digitale

Quante novità tecnologiche abbiamo usato durante l’anno appena concluso? A quanti nuovi servizi web ci siamo iscritti? Non c’è da stupirsi che sia difficile ricordarsi di tutto: il ritmo a cui ci stanno abituando l’hardware e il software è accelerato, ma vale la pena fermarsi e porsi alcune domande.

Per esempio: avete pensato a una password sicura per gli account che avete creato su nuovi siti (social network, e-commerce o altro) o avete usato la stessa già registrata per altri servizi? Oppure, se avete comprato un telefono o un tablet nuovo, avete impostato un blocco di protezione per mettere al riparo i vostri dati personali? Avete scaricato solo applicazioni della cui sicurezza eravate certi e avete letto le informative sul trattamento dei dati?

Mentre affidiamo al digitale un numero di informazioni sempre maggiore, dobbiamo preoccuparci che la consapevolezza nell’uso di questi nuovi sistemi cresca di pari passo.

Potremmo dedicare i primi giorni di questo nuovo anno proprio alla sicurezza digitale. Come? Possiamo cominciare prendendo qualche minuto per analizzare i profili che abbiamo creato sui social network: controlliamo le informazioni che abbiamo inserito e quante persone vi possono accedere, verifichiamo che la password sia sicura e, nel caso, modifichiamola con una più forte (qui trovate qualche consiglio).

Possiamo poi fare una verifica sulla nostra casella di posta elettronica; anche in questo caso la password è l’elemento principale su cui portare l’attenzione ma altrettanto importante è la domanda di sicurezza: abbiamo scelto un’informazione che conosciamo solo noi oppure è, per esempio, il nome del nostro cane a cui qualcuno potrebbe risalire in pochi clic tramite il nostro profilo Facebook? Sono piccole distrazioni che potrebbero costare caro, come dimostra l’aumento dei casi di furto di identità.

Ripetiamo la stessa analisi anche per i siti di e-commerce (o per i servizi cloud) a cui siamo iscritti: meglio non rischiare di avere una protezione debole se tra i dati conservati c’è anche il numero di carta di credito.

Se i pericoli aumentano, è meglio alzare le difese. Una volta che avete verificato la sicurezza dei vostri dati online, potete affidarvi anche a un servizio come SICURNET per essere allertati ogni volta che le vostre informazioni personali diventino troppo accessibili.

Ultima cosa da controllare, computer e altri dispositivi: i sistemi operativi e gli antivirus devono essere sempre aggiornati. Unendo così le possibilità offerte dal software e la propria attenzione, sarà possibile iniziare un anno all’insegna della sicurezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑