You are currently browsing the tag archive for the ‘prestito finalizzato’ tag.

Il prestito finalizzato è un finanziamento legato all’acquisto di un bene o di un servizio e può essere concesso direttamente nei punti vendita al momento dell’acquisto. In pratica, invece di pagare subito e per intero il bene, si ottiene denaro dall’istituto di credito per pagarlo a rate.

I prestiti finalizzati sono, in genere, più semplici e veloci da ottenere, in particolare per importi contenuti: le convenzioni tra istituti di credito e punti vendita permettono di stipulare i contratti al momento dell’acquisto, presentando pochi documenti (la carta di identità, il codice fiscale, a volte la busta paga). In caso di importi elevati la procedura è più complessa e la banca valuterà più elementi prima di decidere se concedere il prestito (è il caso, per esempio, dell’acquisto di un’auto).

Una particolarità dei prestiti finalizzati è che l’importo viene versato direttamente all’esercente e che il contratto è vincolato all’acquisto di un bene specifico (che infatti viene indicato nel contratto stesso). La somma ricevuta verrà poi rimborsata in rate mensili.

È importante sapere che si tratta di un vero e proprio contratto di credito al consumo, anche se forse è uno di quei casi in un cui potrebbe non sembrarlo. Oltre ad avere una buona affidabilità creditizia è opportuno essere consapevoli della nostra situazione economica e saper gestire bene l’indebitamento. Se per qualche ragione saltiamo il pagamento di una rata, l’informazione sarà registrata nei Sistemi di informazioni creditizie.

Anche se la procedura è più rapida e semplice, leggiamo bene il contratto che ci viene proposto, quale sarà il costo totale, quali le modalità di rimborso, quali gli obblighi e diritti.

Che si tratti di un telefonino (anche quelli legati al contratto con un operatore telefonico!), di un elettrodomestico o di un’auto nuova, la parola d’ordine è consapevolezza!

scegliere finanziamentoIl 2015 è iniziato con un moderato ottimismo sul fronte economico e finanziario: rimaniamo in un periodo delicato ma il momento più difficile della crisi economica potrebbe essere alle nostre spalle.

Se le domande di mutui e prestiti stanno tornando a far registrare segnali di ripresa dopo anni di tendenze negative, non dobbiamo comunque abbassare l’attenzione sulla nostra situazione economica.

È arrivato il momento di affrontare una spesa o un investimento che abbiamo rimandato negli ultimi anni a causa della crisi? Che si tratti di acquistare una nuova automobile, di ristrutturare una parte della casa o di un regalo che desideriamo da tempo, ci sono alcune cose che dobbiamo tenere presente.

Prima di tutto dobbiamo analizzare la nostra situazione economica, per essere sicuri di poter restituire tutte le rate del prestito rispettando le scadenze: avere una buona affidabilità creditizia e gestire il proprio indebitamento in maniera consapevole sono elementi necessari per poter chiedere un prestito in tranquillità.

Poi, a seconda del tipo di spesa da affrontare, dobbiamo scegliere il tipo di finanziamento più adatto alle nostre esigenze, considerando per esempio il prestito finalizzato se vogliamo acquistare un bene preciso. Non dimentichiamo che esistono anche strumenti come la cessione del quinto.

In questa fase possiamo valutare le offerte di banche e istituti di credito per trovare quello che fa al caso nostro: occorre fare molta attenzione ai costi effettivi del finanziamento e alle informazioni che devono essere presenti nel contratto.

Uno strumento utile per accompagnarci nella scelta del prestito e nella gestione del nostro indebitamento può essere Mettinconto, servizio di consulenza personalizzato che permette di evitare errori purtroppo comuni, come il sovraindebitamento ed eventuali difficoltà economiche.

image001Un prestito finalizzato è un finanziamento che viene richiesto per un acquisto specifico, che si tratti di un bene o di un servizio: un’automobile, un elettrodomestico, una vacanza… Questo tipo di finanziamento può essere concesso direttamente dal rivenditore che, grazie alla stipula di una convenzione con un istituto di credito, può offrire ai propri clienti pagamenti rateali per i beni acquistati.

La pratica per ottenere un prestito finalizzato è di solito semplice e veloce, anche per le limitazioni che questo tipo di finanziamento implica: l’importo del prestito è direttamente legato al costo del bene che si vuole acquistare e il finanziamento ottenuto viene utilizzato per pagare l’acquisto di quel prodotto specifico. Alle rate vanno ovviamente applicati il tasso di interesse nominale (TAN, di solito fisso), e tutti gli eventuali costi accessori che concorrono a formare il tasso effettivo (TAEG).

Contratto di acquisto e contratto di finanziamento sono due contratti separati: il primo vincola consumatore e venditore mentre il secondo lega il consumatore e l’istituto di credito che ha concesso il prestito.

La concessione di un prestito finalizzato è comunque soggetta alla valutazione dell’affidabilità creditizia del richiedente: per questo è opportuno, anche per acquisti di piccola entità, essere consapevoli della propria situazione economica e del proprio livello di indebitamento, al fine di evitare spiacevoli sorprese.

Il contratto di prestito finalizzato, così come gli altri contratti di credito al consumo, deve contenere alcune informazioni obbligatorie:
•    TAN e TAEG
•    Importo erogato e modalità di finanziamento
•    Importo, numero e scadenza delle rate
•    Condizioni praticate ed eventuali costi aggiuntivi
•    Garanzie e assicurazioni richieste.