You are currently browsing the category archive for the ‘Arbitro Bancario Finanziario’ category.

Tra cliente e banca, in caso di contratti di credito al consumo, e più in generale in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari, a volte non tutto fila liscio. In caso di controversie, le due parti possono rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) piuttosto che a un giudice ordinario. Si tratta quindi di un percorso più semplice e più rapido, oltre che più economico. Inoltre, per il procedimento non è necessaria l’assistenza di un avvocato.

L’Arbitro Bancario Finanziario è un organismo indipendente, sostenuto dalla Banca d’Italia, e si articola in sette collegi sul territorio nazionale: Bari, Bologna, Milano, Napoli, Palermo, Roma e Torino. Ogni collegio è dotato di un organo a cui spetta il compito di prendere le decisioni sulle controversie: il presidente e due membri sono scelti direttamente dalla Banca d’Italia, uno è designato dalle associazioni degli intermediari finanziari e uno dalle associazioni che rappresentano i clienti (siano essi imprese o privati).

Quando ci si può rivolgere all’Arbitro Bancario Finanziario?

Il cliente deve in primo luogo cercare di risolvere la controversia inviando un reclamo scritto all’istituto di credito. In caso di mancata risposta o di risposta insoddisfacente, il cliente può rivolgersi all’ABF. Le decisioni dell’Arbitro non sono vincolanti ma se l’intermediario non le rispetta, la notizia dell’inadempimento è resa pubblica. Nel caso che una delle due parti o entrambe non siano soddisfatte della decisione dell’Arbitro, possono scegliere di rivolgersi alla giustizia ordinaria.

L’Arbitro Bancario Finanziario è competente per importi fino 100.000 euro, se si chiede una somma di denaro; oppure senza limiti di importo, se si chiede soltanto di accertare diritti, obblighi e facoltà (per esempio, la mancata consegna o la consegna parziale di documentazione).

Il cliente deve presentare ricorso entro 12 mesi dall’invio del reclamo all’intermediario, usando i moduli disponibili sul sito dell’Arbitro Bancario Finanziario e pagando un contributo spese di 20 euro. La decisione dell’Arbitro arriva entro 60 giorni dal ricevimento delle controdeduzioni dell’intermediario.