Direttiva PSD2: cos’è e cosa cambia nei pagamenti online

Gentile cliente, stanno per cambiare le modalità per accedere ai servizi di home banking e autorizzare i pagamenti online…”. Nelle ultime settimane avrete ricevuto anche voi, come milioni di altri correntisti, una comunicazione come questa da parte del vostro istituto di credito.

Dal 14 settembre, infatti, entra in vigore la normativa europea PSD2 sui servizi di pagamento, una nuova direttiva che ha come obiettivo principale quello di rendere più semplice e sicura l’operatività dei servizi bancari online, accelerando nel contempo la trasformazione digitale del mondo bancario.

PSD2, MAGGIORE SICUREZZA

Per garantire maggiore tranquillità ai consumatori, riducendo i rischi di operazioni fraudolente da parte dei malintenzionati, la direttiva PSD2 prevede standard più elevati di sicurezza – la cosiddetta “autenticazione forte dei clienti” (Strong Customer Authentication) – per l’accesso all’internet banking e per la disposizione di pagamenti digitali con qualsiasi strumento: computer, smartphone, tablet, bancomat, carte, ecc. (un mercato, quello dei digital payment, sempre più in crescita: si stima che in Italia nel 2019 raggiungerà i 100 miliardi di euro di transato).

Come abbiamo visto in dettaglio in un precedente articolo (“Home banking e sicurezza, addio “chiavetta”. Dal 14 settembre si farà tutto con lo smartphone”), per adeguarsi alla nuova normativa comunitaria le banche hanno mandato in pensione le vecchie e meno sicure “chiavette” per la generazione dei codici temporanei di accesso. Tutte le operazioni e i pagamenti online saranno ora gestiti ricevendo i codici direttamente e comodamente sul proprio smartphone tramite app oppure sms.

PSD2, MAGGIORE SCELTA

Un’altra novità introdotta dalla PSD2 è l’apertura del mercato dei pagamenti a nuovi operatori non bancari (Third Party Provider) sia per i servizi informativi sia per quelli dispositivi. I consumatori avranno quindi più possibilità di scelta non solo per i pagamenti ma anche per quanto riguarda altri prodotti finanziari.

PSD2, COSTI RIDOTTI

La direttiva PSD2 avrà anche vantaggi economici per i consumatori europei: le commissioni interbancarie non potranno superare lo 0,2% del pagamento con carte di debito e lo 0,3% con carte di credito; diminuisce inoltre da 150 a 50 euro la franchigia per le spese non riconosciute effettuate prima della denuncia di furto della carta. Infine, è cancellato qualsiasi sovrapprezzo per i pagamenti digitali.

Per approfondire l’argomento banche e sicurezza ed evitare truffe e raggiri possiamo consultare i 15 consigli di Mister Credit per utilizzare in modo sicuro i servizi bancari.

Per rendere più serena la nostra vita finanziaria, possiamo affidarci a METTINCONTO e METTINCONTO 365 di Mister Credit. Grazie al collegamento coi dati del nostro conto corrente, possiamo analizzare in modo semplice entrate e uscite di tutti i nostri conti correnti, capire quando spendiamo più del previsto e fissare obiettivi di risparmio, in modo da gestire al meglio i nostri impegni finanziari.

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑